Vertigini con osteocondrosi cervicale: è pericoloso?

Le violazioni che si verificano nella colonna vertebrale portano alla perdita di funzionalità, sia delle vertebre che dei dischi intervertebrali. Se tali problemi si osservano nell'area delle prime sette vertebre, allora possiamo parlare dell'osteocondrosi della regione cervicale. La vertigine con osteocondrosi cervicale è solo la punta dell'iceberg, indicando la necessità di esame e trattamento.

Cause di osteocondrosi del rachide cervicale

I cambiamenti patologici nelle vertebre e nei dischi intervertebrali hanno non solo una tendenza all'età, un eccessivo esercizio fisico, malattie professionali e malattie infettive portano al degrado.

La perdita di elasticità della cartilagine è associata a carenza di vitamina C, disturbi endocrini, abuso di alcool e fumo. Un ruolo importante è giocato dal fattore genetico.

Come conseguenza dell'impatto di questi fattori, si verificano la distruzione del tessuto cartilagineo e la deformazione dei dischi intervertebrali o i cambiamenti patologici nelle vertebre cervicali.

La crescita eccessiva del tessuto osseo, l'ernia intervertebrale, i processi infiammatori, gli osteofiti - escrescenze, protuberanze, spine sul tessuto vertebrale, portano alla spremitura dei vasi sanguigni e pizzicano le terminazioni nervose. Di conseguenza, l'afflusso di sangue (nutrizione) del cervello peggiora.

Sintomi dell'osteocondrosi cervicale

La regione cervicale ha la massima sensibilità, quindi anche le piccole anomalie della colonna vertebrale si manifestano immediatamente con le seguenti caratteristiche:

  • vertigini, soprattutto al mattino, al momento del risveglio,
  • oscillazione, la sensazione di "galleggiare" sul pavimento quando si cammina,
  • annebbiamento della coscienza durante improvvisi cambiamenti nella postura del corpo,
  • la comparsa di scintille, cerchi, bagliori davanti ai tuoi occhi,
  • tinnito,
  • nausea, perdita di appetito,
  • pelle pallida, sudorazione eccessiva,
  • disturbo dell'attenzione, memoria, riduzione delle prestazioni,
  • dolore al collo, scricchiolio quando si gira la testa,
  • dolore spasmodico e pulsante al collo e alle tempie.

Con gravi disturbi, la condizione peggiora per svenire e vertigini, c'è una mancanza di ossigeno. Un'arteria vertebrale compressa può portare a svenimento. Con un forte deterioramento delle condizioni, dovresti immediatamente cercare un aiuto medico.

Forme di vertigine con osteocondrosi

  1. Forma sistemica: senso di oscillazione, rotazione del corpo e degli oggetti nelle vicinanze.
  2. Forma non sistemica - instabilità quando si cammina, sensazione di strada dissestata, "fossati".
  3. La forma combinata include le manifestazioni delle prime due forme.

Un'interruzione dell'apporto di sangue al cervello può essere causata da uno spasmo dei vasi sanguigni o da una pressione meccanica. Nel primo caso, le vertigini sono sistemiche o combinate, si osserva il pallore della pelle, attacchi nausea, vomito, acufene, debolezza, svenimento. Nel secondo caso, vertigine mista e non sistemica. La condizione peggiora quando si gira la testa, c'è una forte perdita dell'udito.

Farmaci

Assumendo droghe, devi capire che lo scopo del loro appuntamento - l'eliminazione dei sintomi, su come curare l'osteocondrosi cervicale non sta parlando. Il paziente riceve sollievo per iniziare il trattamento.

I preparati raccomandati per eliminare le vertigini sono divisi in diversi gruppi:

  • Betaserc, cinnarizina, vazbral migliorare la microcircolazione cerebrale e cerebrale, sopprimere le manifestazioni di vari disturbi vestibolari (instabilità, contrazioni oculari), migliorare la conduttività nei neuroni, ridurre la permeabilità dei vasi sanguigni, normalizzare l'udito, eliminare l'acufene, aumentare le prestazioni fisiche e mentali, alleviare l'affaticamento,
  • antispasmodico nas-pa, baralgin, moment, analgin rilassa i muscoli lisci e riduce il carico sulle pareti delle arterie,
  • Farmaci anti-infiammatori - diclofenac (supposte, colpi, compresse), niz, nimesulide allevia il gonfiore e riduce l'infiammazione,
  • Per migliorare la circolazione cerebrale, Actovegin, piracetam,
  • in alcuni casi sono prescritti condroprotettori e complessi vitaminici per rafforzare le pareti dei vasi sanguigni e aumentare l'immunità.

Come affrontare le vertigini con la ginnastica

La parte obbligatoria del trattamento dell'osteocondrosi cervicale in generale e le vertigini - in particolare, dovrebbero essere l'esercizio. Aiuteranno a rafforzare i muscoli, migliorare la circolazione sanguigna, restituire la mobilità alle vertebre, rilasciare nervi e vasi sanguigni ristretti.

Gli esercizi dovrebbero essere eseguiti senza intoppi, senza strappi e movimenti improvvisi, in modo da non aggravare la situazione. Se possibile, il complesso è un medico di terapia fisica che tiene conto dell'età e delle condizioni del paziente.

Set approssimativo di esercizi:

  1. Camminare sul posto - su tutto il piede, sui talloni, sulle dita dei piedi (1 minuto ciascuno), spalle rilassate, braccia abbassate lungo il corpo, respirando uniformemente,
  2. Posizione di partenza - in piedi, le braccia verso il basso lungo il corpo. Stringere i pugni, tendendo i muscoli delle braccia, ridurre le scapole e raddrizzare la schiena (spalle abbassate). Resta in questa posizione per 30 secondi, quindi rilassati. Ripeti 10-15 volte
  3. Inclina la testa verso le spalle. Esegui 10 curve in ogni direzione. Il movimento dovrebbe essere lento, regolare, senza strappi,
  4. Testa che gira di lato: 10 giri, senza intoppi, con attenzione. Inclinazioni e curve possono essere eseguite in piedi o seduti
  5. Seduto o in piedi per alzare e abbassare le spalle (10 volte), assicurarsi che siano sullo stesso piano, non andare avanti,
  6. Sollevare le spalle, portarle in avanti, quindi riprendere il più possibile. Fai l'esercizio 10-15 volte,
  7. Piega la testa del torace, senza muovere le spalle. Rimani in questa posizione per 10 secondi, quindi raddrizza lentamente il collo. Esegui 10 inclinazioni,
  8. Sdraiato a pancia in giù, sollevare la testa, rimanere fermi per alcuni secondi, quindi tornare alla posizione di partenza.

Guarda la ginnastica Alexandra Bonina con osteocondrosi cervicale.

Tipi di testa circolare con osteocondrosi cervicale

Le vertigini possono essere sistemiche e non sistemiche. La prima opzione si manifesta con la rotazione di oggetti o del corpo umano, mentre la vertigine non sistemica è la fluttuazione del mondo circostante.

Le vertigini con osteocondrosi cervicale possono essere posizionali (cioè apparire in una determinata posizione del corpo) o adattarsi (si verificano quando si gira la testa).

Inoltre, la classificazione delle vertigini è una divisione nei tipi centrale (con danno al tronco encefalico o al cervelletto) e periferico (disturbi dell'orecchio interno). L'osteocondrosi della regione cervicale provoca precisamente il tipo periferico di circonferenza della testa (compromettendo l'afflusso di sangue dell'orecchio interno). In genere, i sintomi diminuiscono o scompaiono quando si cerca di correggere l'aspetto. Allo stesso tempo, il giro della testa è spesso accompagnato da nistagmo - oscillazione involontaria degli occhi.

Metodi di trattamento per l'osteocondrosi cervicale

Il trattamento della vertigine nell'osteocondrosi cervicale inizia con un regime delicato che crea riposo. Per questo è possibile utilizzare un collare speciale.

I farmaci antinfiammatori (Nimesulide, Meloxicam, ecc.) Vengono utilizzati per eliminare la reazione infiammatoria nei tessuti circostanti il ​​fascio neurovascolare o nella colonna vertebrale. Se le vertigini sono accompagnate da intenso dolore, possono essere prescritti farmaci antidolorifici (Flupirtin, ecc.).

Se la successiva esacerbazione dell'osteocondrosi del rachide cervicale è accompagnata da spasmo muscolare, vengono utilizzati rilassanti muscolari - preparati per rilassare il tessuto muscolare (Tolperisone, Tizandin). Per stimolare la rigenerazione delle membrane nervose, vengono utilizzati acido lipolitico (Espa-lipon) e multivitaminici del gruppo B (complesso Mega B). Il trattamento deve essere prescritto solo da un medico.

Stai attento! Se la circonferenza della testa è accompagnata da sintomi radicolari (disturbi della sensibilità e / o disturbi del movimento), è necessario un trattamento in ospedale. Allo stesso tempo, nelle fasi successive della malattia (in caso di compressione del midollo spinale), sarà necessario un intervento chirurgico: rimozione parziale del disco o sostituzione con un impianto.

Vale la pena notare che l'osteocondrosi durante la gravidanza ha un trattamento leggermente diverso. Allo stesso tempo, le vertigini possono essere un sintomo di patologie completamente diverse che possono danneggiare la madre e il bambino.

Trattamento popolare

Nei casi in cui vertigini e dolore sono gli unici sintomi dell'osteocondrosi cervicale, puoi utilizzare i popolari metodi di aiuto. Tuttavia, va ricordato che tale auto-trattamento è sintomatico e non influisce sul decorso della malattia.

  • coni. Riempi il cono di abete con mezzo litro di acqua bollente. Lascialo riposare per una notte, quindi bevi l'infuso per tutto il giorno. Ripeti fino a 7-10 giorni.
  • Aglio e Miele. Testa di aglio tritato versare 4 cucchiai di miele e insistere per circa tre giorni. Prendi un cucchiaio prima di un pasto non più di 2 settimane.
  • Foglie di alloro. 5 grammi di foglie secche insistono su un litro di acqua bollente per circa un giorno. Successivamente, bevi la miscela per 2 giorni. Ripeti la procedura fino a 3 volte.

Per facilitare l'uso unguenti possono essere aggiunti alla ricetta per olio o farina al fine di addensare la miscela.

  • Uovo e aceto. Aggiungere all'uovo crudo 2 cucchiai di aceto, mescolare nella miscela 100 grammi di burro. Applicare unguento con movimenti di massaggio sulla zona del collo e del collo. Eseguire la procedura per una settimana.
  • analgene. Una miscela di 300 ml di alcool di canfora, piastre di dipirone e 10 ml di iodio devono insistere per 2 settimane, quindi strofinare il collo. Utilizzare non più di 7-10 volte.
  • Limone e Iodio. Al succo di un limone aggiungere lo iodio in proporzioni uguali. Addensare la miscela con vaselina e applicare prima di coricarsi. Ripeti non più di 7 volte.

  • cavolo. Preriscalda le foglie di cavolo bianco sull'acqua calda e spalmale di miele. Metti sul collo sotto forma di impacco di notte, avvolto con un asciugamano o una sciarpa. Ripeti la settimana.
  • Torte di segale. Impastare la pasta di farina di segale senza lievito. Cuocere le torte e applicare sotto forma di calore durante la notte. Un'altra opzione è quella di utilizzare un impasto crudo che è diventato acido. Ripeti fino a 7 procedure.
  • mummia. Mescola l'olio di montagna e l'acqua bollente in un rapporto di 1: 5. Mettere un impacco per la notte, ripetere un corso da 7 procedure.

Bagni curativi

  • aghi. Fai bollire gli aghi di conifere in una casseruola per mezz'ora e aggiungi al bagno caldo preparato. Ripeti la procedura a giorni alterni per 2 settimane.
  • sale. Riscalda il bagno a 38-40 ° C, aggiungi cinque chilogrammi di sale marino. La molteplicità delle procedure è la stessa.
  • castagne. 500 grammi di castagne macinare e far bollire per circa 20 minuti. Aggiungi al bagno caldo preparato. La molteplicità delle procedure è la stessa.

Vale la pena notare che in caso di ipertensione arteriosa, insufficienza cardiaca, diabete, vene varicose e malattie infettive, non si può fare il bagno!

Terapia fisica

Gli esercizi di terapia fisica hanno dimostrato di rafforzare i muscoli del collo, aumentare il metabolismo locale e prevenire la comparsa di vertigini nell'osteocondrosi cervicale. Tuttavia, va ricordato che nel periodo acuto della malattia (quando tutti i sintomi sono pronunciati) l'educazione fisica è controindicata.

Una serie di esercizi esemplari comprende:

  1. Gira la testa in posizione seduta con la schiena piatta (5-15 volte).
  2. Alzare e abbassare la testa in posizione seduta (5-15 volte)
  3. Inclinazioni laterali della testa in posizione seduta (5-15 volte). Puoi complicare gli esercizi creando resistenza: un ostacolo che inclina la tua mano.
  4. Sollevare e abbassare le spalle in posizione eretta con la schiena dritta (5-15 volte). Complicando l'esercizio, puoi tenere le spalle per alcuni secondi all'altezza dell'ascensore.
  5. Elevazione della testa in posizione prona (5-15 volte). Migliorare l'esercizio può essere un leggero ritardo della testa durante il sollevamento.

Le lezioni di rifinitura meritano un massaggio per migliorare la circolazione sanguigna e alleviare la tensione muscolare:

  1. Vale la pena iniziare il massaggio accarezzando il collo e le zone temporali.
  2. Continua la procedura massaggiando intensamente collo e collo (fino a 3 minuti) con la punta delle dita.
  3. Strofina i muscoli del collo e dell'area del collo con i palmi caldi.
  4. Completa il massaggio con un movimento circolare sulla regione temporale, quindi leggeri colpi di collo.

Per l'auto-massaggio, puoi usare gli olii essenziali con effetto riscaldante, olio vegetale normale o unguento fatto in casa (vedi le ricette sopra).

Prevenzione dell'osteocondrosi

Per la prevenzione delle vertigini nell'osteocondrosi cervicale e le successive esacerbazioni è necessario:

  • per riportare la massa corporea alla normalità
  • aumentare il valore nutrizionale della dieta aggiungendo alimenti ad alto contenuto di collagene (brodo ricco, aspic, gelatina),
  • trattare malattie concomitanti (ipertensione arteriosa, diabete, ecc.),
  • prevenire o curare lesioni di alta qualità della colonna vertebrale e della sua curvatura (contusioni, scoliosi, ecc.),
  • aumentare il livello di attività fisica, ma sbarazzarsi di carichi eccessivi,
  • evitare di essere nelle posture sbagliate
  • controllare e prevenire le malattie del piede (piedi piatti, deformità, ecc.).

Vale anche la pena sbarazzarsi dei fattori aggravanti della malattia: fumare e bere. Allo stesso tempo è necessario evitare situazioni stressanti ed eccessivo stress emotivo.

Ricorda, le vertigini nell'osteocondrosi del rachide cervicale possono essere non solo un sintomo innocuo, ma anche una "campana" sull'inizio di processi irreversibili nel cervello! Pertanto, questa manifestazione della malattia richiede l'osservazione di uno specialista.

Come si manifestano le vertigini nell'osteocondrosi?

Vertigine o sinonimo di vertigine è una sensazione patologica di incertezza nel valutare la posizione del proprio corpo nello spazio, mentre a un malato sembra che gli oggetti che lo circondano orbitano attorno a lui, meno spesso le sensazioni sono della natura opposta, vale a dire. sensazione di rotazione del proprio corpo attorno agli oggetti circostanti. Questi sentimenti portano alla comparsa di incertezza nelle loro azioni, violano la motilità e fanno sentire il paziente imbarazzante nei movimenti. Con una manifestazione piuttosto forte di vertigini, il sintomo principale - la mancanza di fiducia nei movimenti, aggiunge sintomi neurologici sotto forma di nausea e persino vomito in vertigini gravi. Inoltre, il paziente ha alcuni disturbi vegetativi, come:

  • Palpitazioni e battiti del cuore,
  • Pressione sanguigna instabile
  • Aumento della sudorazione, in particolare degli arti superiori e del viso,

All'aumentare delle vertigini, tutti i sintomi di accompagnamento sopra menzionati progrediscono proporzionalmente e diventano pronunciati.

Nella pratica neurologica, è molto conveniente suddividere le vertigini in diversi tipi principali, a seconda del meccanismo patogenetico della sua formazione. Si distinguono i seguenti tipi di vertigine:

  • Vertigine sistemica Tale vertigini ha una causa vestibolare e si verifica durante i movimenti della testa. Il paziente ha le vertigini sotto forma di caduta o rotazione continua in risposta al movimento della testa. Molto spesso, le vertigini sistemiche sono integrate da gravi problemi di udito.
  • Stato sincopale o debole. Le vertigini sono un sintomo frequente, un precursore dell'imminente perdita di coscienza. Le vertigini sorgono e crescono insieme a un generale deterioramento della chiarezza della coscienza.La persona diventa instabile, perde l'equilibrio e negli occhi le note sono sfocate o scurite. Al verificarsi di tale stato, la vittima può cadere e causare gravi danni a se stesso.
  • Vertigini cerebrali nevralgiche. Sorge a seguito di patologia organica con localizzazione nelle regioni cerebrali responsabili dell'equilibrio. Ad esempio, l'atassia cerebrale si verifica in una persona colpita da un ictus o una lesione cerebrale traumatica di una persona che ha vertigini persistenti. In altri casi, lo squilibrio cerebrale si verifica a causa di paresi o paralisi, ma in questo caso la sensazione di vertigini è falsa.
  • Vertigine cervicogenica. Tale vertigini si verifica con la patologia del rachide cervicale, il più delle volte con l'osteocondrosi. La formazione di una sensazione di imbarazzo per la posizione del corpo nello spazio nasce come conseguenza di una violazione della sensibilità propriocettiva nel sistema nervoso periferico. Il verificarsi di vertigini natura cerebrogenica è più spesso osservato nei pazienti.

Come sono le vertigini e l'osteocondrosi del collo dell'utero?

L'osteocondrosi è una delle cause più comuni e frequenti di vertigine. In questa malattia, il tessuto cartilagineo dei dischi intervertebrali della colonna vertebrale cervicale è danneggiato a causa di un malfunzionamento o trofismo. A causa del metabolismo alterato, si formano processi distrofici nel tessuto cartilagineo, che porta a una diminuzione del volume della cartilagine e alla sua distruzione, a seguito della quale la colonna vertebrale perde un considerevole grado delle sue proprietà di deprezzamento. Il carico sul corpo delle vertebre cervicali aumenta, il che porta alla loro traumatizzazione meccanica e alla successiva distruzione. Crescite ossee o spine compaiono sulle vertebre, la mobilità e la mobilità delle vertebre sono significativamente ridotte, anche la loro altezza diminuisce, il che porta al coinvolgimento graduale dei neuroni del midollo spinale e dei loro processi nel processo infiammatorio che passa attraverso le aperture laterali tra le vertebre sotto forma di fibre sensoriali e nervose motorie nella composizione delle radici nervose. In assenza di diagnosi e trattamento tempestivi, l'osteocondrosi progredisce e porta allo sviluppo di gravi complicazioni sotto forma di danno organico al tessuto nervoso, uno dei sintomi dei quali è lo sviluppo di vertigini cervicogene.

Le principali cause dell'osteocondrosi

L'osteocondrosi è una malattia multifattoriale ed è impossibile individuare alcun fattore specifico che porti alla sua insorgenza. Tuttavia, tra l'ampia gamma di fattori patogeni, si possono distinguere diversi fattori principali, tra cui:

  1. Predisposizione genetica ereditaria
  2. Ipodynamia sistematica prolungata o viceversa aumento del carico sul sistema muscolo-scheletrico,
  3. Disturbi dismetabolici,
  4. La presenza di malattie infettive croniche nella storia.

Le principali cause di vertigini nell'osteocondrosi

Se la testa può ruotare nell'osteocondrosi cervicale è una domanda difficile. Naturalmente, nella maggior parte dei casi clinici, questo sintomo esiste, ma ci sono situazioni in cui l'osteocondrosi progredisce in una forma latente senza vertigini e altre manifestazioni vegetative. È importante notare immediatamente che solo l'osteocondrosi del rachide cervicale è accompagnata dalla comparsa di un sintomo di vertigini. Come accennato in precedenza, l'osteocondrosi porta a una diminuzione dell'area e del volume dei dischi intervertebrali, che porta al suo appiattimento e compressione o compressione delle terminazioni del nervo spinale, mentre oltre a influenzare direttamente il tessuto nervoso, si verifica la compressione delle arterie vertebrali o vertebrali, che comporta un disturbo di ossigenazione cronica tessuto nervoso del midollo spinale e del midollo. L'effetto combinato dell'ischemia cronica e della traumatizzazione delle fibre nervose porta ad un aumento della sensibilità e dell'irritazione delle terminazioni nervose vegetative, a seguito delle quali compaiono vertigini cervicali.

Quadro clinico

I sintomi della vertigine con osteocondrosi sono specifici. Di norma, l'imbarazzo e l'interruzione dell'attività motoria sono di intensità trascurabile. Il senso di squilibrio è stabile e aumenta gradualmente con la progressione dell'osteocondrosi del rachide cervicale. Come accennato in precedenza, le vertigini sono spesso accompagnate da altri sintomi neurologici, come: mal di testa, nausea e vomito, iperidrosi o sudorazione eccessiva, debolezza e un aumento del numero di contrazioni cardiache.

In alcuni casi, i pazienti possono manifestare attacchi di vertigine nell'osteocondrosi cervicale.

Diagnostica

Quando si verificano vertigini, soprattutto quando il sintomo aumenta, non dovresti sederti. Solo la consultazione con uno specialista qualificato e uno studio diagnostico completo aiuteranno a condurre una ricerca diagnostica differenziale e determinare la patologia specifica. Sulla base dell'Istituto clinico del cervello, esiste un intero dipartimento che si occupa del trattamento dell'osteocondrosi del rachide cervicale e delle relative complicanze. Un approccio globale alla diagnosi consente di valutare accuratamente la gravità dei disturbi neurologici e la localizzazione del processo infiammatorio patologico. I seguenti metodi diagnostici sono utilizzati presso l'Istituto clinico del cervello:

  • Computer tomografico o studio di risonanza magnetica, che consente una valutazione dettagliata della localizzazione e del grado del processo infiammatorio nei dischi intervertebrali e nelle vertebre.
  • Radiografia del rachide cervicale,
  • Doppler ecografia dei vasi cervicali,
  • Analisi completa della funzione vestibolare del paziente.

Come trattare?

Vertigini con osteocondrosi cervicale, cosa fare? Prima di tutto, dovresti contattare uno specialista per un consiglio. Solo dopo il sondaggio, possiamo parlare dell'elaborazione di un piano terapeutico terapeutico efficace. Il trattamento della vertigine nell'osteocondrosi del rachide cervicale consiste nel condurre una terapia complessa con l'uso di entrambi i farmaci e la fisioterapia. Per la farmacoterapia, vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci:

  • Farmaci antinfiammatori non steroidei. Possono ridurre significativamente la quantità di infiammazione, alleviare il gonfiore e, di conseguenza, la compressione delle radici nervose e del midollo spinale. Per un effetto più efficace al momento della terapia, viene utilizzata l'applicazione del corso di forme iniettabili di farmaci antinfiammatori. I principali farmaci di questo gruppo includono: Diclofenac, Ibuprofen, Nurofen e Meloxicam.
  • I cerebroprotettori e i nootropi sono farmaci che migliorano la circolazione cerebrale e i processi metabolici nel tessuto nervoso. Questi farmaci includono: Piracetam, Cinnarizine, Cavinton o Vinpocetine.
  • Condroprotettori: significa proteggere il tessuto cartilagineo dalla distruzione. Questo gruppo di farmaci migliora le proprietà elastiche e ammortizzanti del tessuto cartilagineo del disco intervertebrale, alleviando così la sindrome da compressione.

È importante notare ancora una volta che il trattamento dovrebbe essere completo e complesso, solo in questo caso possiamo sperare in un buon effetto dalla terapia. Per fare questo, oltre ai farmaci, viene utilizzata anche la fisioterapia: elettroforesi medica sul collo, ultrasuoni e terapia magnetica. Abbastanza importante è la condotta sistematica della ginnastica.

Prevenzione

Al fine di prevenire lo sviluppo o la progressione dell'osteocondrosi della colonna cervicale e delle vertigini associate, così come altre manifestazioni neurologiche, viene utilizzato lo stesso complesso di metodi fisioterapici. Per evitare lo sviluppo di questa malattia, è importante capire che solo l'assenza di fattori patogeni può eliminare il rischio non necessario di sviluppare l'osteocondrosi e le sue complicanze. Per fare questo, è necessario modificare il proprio stile di vita e l'atteggiamento nei confronti della propria salute. Cose semplici come uno stile di vita attivo, una corretta alimentazione, un'alternanza di lavoro e riposo riducono significativamente il rischio di osteocondrosi e le sue manifestazioni. Prenditi cura del tuo corpo e sii sano.

Cosa ti fa girare la testa

Il motivo principale per cui la testa gira con l'osteocondrosi è, tuttavia, la componente vascolare, quindi questa patologia è di solito attribuita alla sindrome dell'arteria vertebrale. Le arterie cerebrali extracraniche passano attraverso aperture speciali nei processi trasversali delle vertebre cervicali, che forniscono sangue ai lobi posteriori del cervello. La compressione dei vasi della vertebra cervicale porta a disturbi della vista, dell'udito, della coordinazione e al verificarsi di vertigini, fino alla perdita di coscienza. La circolazione del sangue nelle arterie cerebrali peggiora in modo significativo quando il collo gira e le vertigini sono di natura parossistica (squilibrio del corpo con ondeggiamento), c'è un oscuramento negli occhi o, al contrario, lampi luminosi.

Queste patologie si verificano nell'osteocondrosi, quando si verifica una forte riduzione dei dischi intervertebrali, una riduzione della distanza tra le vertebre e la loro distruzione meccanica dal contatto reciproco. In tali condizioni, le arterie cerebrali subiscono pressione e deformità. Il trattamento delle vertigini nell'osteocondrosi cervicale deve essere iniziato il più presto possibile, poiché i disturbi vascolari prolungati provocano la comparsa di ischemia nel cervello e lo sviluppo di disturbi organici. Dopo la loro comparsa, i disturbi emodinamici nel cervello diventano persistenti: nausea, vertigini, vomito, disartria, brevi episodi di perdita di coscienza diventano permanenti.

Un altro meccanismo per l'insorgenza di vertigini è la comparsa di impulsi nervosi patologici che vanno all'apparato vestibolare e al cervelletto quando il plesso del nervo cervicale viene pizzicato dal lato corrispondente.

Sindromi associate

Con l'osteocondrosi cervicale ci sono diverse sindromi associate al mal di testa:

  • Sindrome simpatica cervicale posteriore - un mal di testa nella regione cervico-occipitale che si verifica dopo il sonno, mentre si cammina, con un carico verticale prolungato. Il dolore ha una natura pulsante, si manifesta nella regione parietale, frontale e occipitale, aumenta con i giri del collo ed è accompagnato da vertigini.
  • Sindrome vestibulo-cocleare - dolore sullo sfondo di "rumore nella testa", vertigini, perdita dell'udito, che aumenta con il movimento del collo.
  • Sindrome oftalmica - scotoma atriale (perdita di campi visivi), visione ridotta, che è associata a un cambiamento nella posizione della testa.
  • Sindrome vegetativa da irritazione delle arterie cerebrali e della colonna vertebrale - sensazione di calore, sensazione di freddo, sudorazione, palpitazioni.
  • Ischemia transitoria - una violazione dell'attività motoria e tattile, visione, diplopia, un attacco di vertigini, nausea, riflesso della deglutizione.

Spesso i pazienti ignorano il mal di testa e non si chiedono nemmeno se la testa può girare in caso di osteocondrosi cervicale? Per riconoscere questa versione di vertigine, è necessario prestare attenzione ai seguenti sintomi:

  • mal di testa o vertigini si verificano dopo una seduta prolungata (ad esempio, alla guida di un'auto),
  • gli attacchi si verificano quando il collo è inclinato lateralmente o dopo essere stato sdraiato su un cuscino morbido che non sostiene il collo in posizione diritta.
  • le vertigini sono accompagnate da un forte dolore nella parte posteriore della testa, possono esserci nausea o vomito, che tuttavia non portano sollievo.
  • quando si premono le dita sui lati delle vertebre cervicali, le vertigini aumentano. La testa diventa "fangosa", aumenta la sensazione di distensione all'interno del cranio.

Ricerca necessaria

I sintomi soggettivi di vertigini da osteocondrosi dovrebbero essere confermati dai risultati di uno studio obiettivo:

  • radiografia,
  • tomografia computerizzata
  • MRI
  • doppler ad ultrasuoni,
  • angiografia con test funzionali di estensione della flessione e rotazione del collo.

Come sbarazzarsi di vertigini

Trattare i disturbi emodinamici che si verificano nel cervello con osteocondrosi cervicale può utilizzare rimedi popolari, medicine, esercizi speciali.

I preparativi per le vertigini con osteocondrosi cervicale agiscono in due modi. Alcuni farmaci migliorano la circolazione sanguigna nelle arterie cerebrali e questi ultimi influenzano la causa delle malattie della colonna vertebrale, che portano alla compressione dei vasi sanguigni.

Prima di tutto, i medici prescrivono farmaci mirati ad alleviare il dolore, possono essere sotto forma di iniezioni o compresse. Le iniezioni antinfiammatorie, di norma, non durano più di 7 giorni, ma la durata del trattamento dipende ancora dai criteri individuali del paziente.

Le compresse per vertigini con osteocondrosi cervicale includono farmaci antinfiammatori non steroidei - Diclofac, Celecoxib, Indometacina, tono vascolare - Troxserutina, Diosmina, Ginko-biloba, Nimodipina e microcircolazione - Pentoxifylline-I-not.

Utilizzata anche la terapia neuroprotettiva - farmaci che rimuovono gli effetti del danno alla sostanza cerebrale a causa dei prossimi episodi di ischemia. Migliora i processi energetici nei tessuti cerebrali - Citochine, Gliatilin, Mildronate, attiva la rigenerazione Actovegin, Thiotriazolin, Trimetazidine. Anche i farmaci nootropici come Picamilon, Aminalon, Cinnarizine, Phenibut aiutano ad eliminare le vertigini. Per la nutrizione del tessuto cartilagineo prescrivere farmaci con condroitina e glucosamina, collagene, nonché vitamine complesse del gruppo B, C, D - Milgamma, Neurobeks, Vitakson.

Trattamento non farmacologico

Oltre ai farmaci regolari, ai pazienti con vertigini sullo sfondo dell'osteocondrosi deve essere prescritta una dieta (rifiuto di carne affumicata, sottaceti, alcool, caffè, cioccolato, cibi grassi), terapia fisica, massaggio e una serie di esercizi.

La ginnastica per il collo aiuta a ridurre il carico sui suoi muscoli, alleviare lo spasmo e anche migliorare l'afflusso di sangue delle vertebre e rallentare i processi degenerativi.

Per migliorare il benessere, gli esercizi terapeutici vengono eseguiti lentamente, con grande cura, per evitare il dolore:

  • seduto su una sedia, tieni la schiena dritta, guarda avanti. Gira la testa con movimenti delicati a sinistra e a destra, fissando la posizione finale per alcuni secondi. Ripeti l'esercizio 10–20 volte,
  • senza cambiare posizione, inclina la testa a sinistra e a destra. Evita i crampi e i dolori, allungando gradualmente le articolazioni e i muscoli. Come nel primo esercizio, fissa la posizione estrema
  • Tieni il mento il più vicino possibile al petto, senti l'allungamento della regione cervicale, gira la testa a sinistra e a destra in questa posizione. Questo è un allungamento diagonale dei muscoli posteriori del collo.

Nel periodo di esacerbazione della condrosi e aumento degli attacchi di vertigini, si consiglia di utilizzare uno speciale collare di supporto, che limita i movimenti nella regione cervicale.

I metodi di trattamento tradizionali sono raccomandati per utilizzare infusi e decotti di erbe medicinali che hanno effetti antinfiammatori e analgesici, oltre a ridurre il gonfiore.Le erbe aiutano a rimuovere le manifestazioni spiacevoli dell'osteocondrosi cervicale, migliorano la circolazione sanguigna, alleviano gli spasmi e normalizzano il sistema nervoso autonomo. Devono essere bevuti regolarmente per ottenere l'effetto desiderato.

A scopi terapeutici, utilizzare:

  • infuso di radice di sedano - un cucchiaio tre volte al giorno,
  • tintura di bacche di crespino - 30 gocce, 3 volte al giorno,
  • tintura di propoli mescolata con foglie di aloe e senape in polvere come impacco per la notte,
  • un impacco di tela imbevuto di cherosene - per la notte,
  • lozioni anestetiche di patate grattugiate o limone con aglio,
  • massaggio cervicale con miele.

Ci sono anche raccomandazioni per aiutarti a capire cosa fare se sei soggetto a vertigini.

  • Impegnarsi in sport in cui è necessario sollevare pesi o il corpo sta vivendo un carico verticale statico prolungato
  • Collo "Crunch". Un tale riscaldamento provoca la prima distruzione delle vertebre cervicali e il pizzicamento dei vasi sanguigni e dei nervi.
  • Dormi con un cuscino alto su un letto molto morbido. Ciò contribuisce alla deformazione di tutte le parti della colonna vertebrale.
  • Indossare scarpe scomode che spostano il baricentro e fanno avanzare la testa contro l'asse normale, sovraccaricando i muscoli del collo.
  • Abusare di prodotti che trattengono l'acqua nel corpo: caffè, alcool, sale, sottaceti.

È importante!
L'automedicazione della vertigine è inaccettabile, poiché questo sintomo può verificarsi non solo con l'osteocondrosi. Le fonti pericolose di disagio possono essere: disturbi nell'orecchio interno, sua infiammazione (labirinite), ipotensione cardiovascolare, neuronite, danni al tronco encefalico, malattie neurologiche - emicrania, epilessia.

Perché sviluppare vertigini con osteocondrosi cervicale

Le condizioni patologiche dei pazienti causate da osteocondrosi cervicale, a causa delle caratteristiche anatomiche della struttura della colonna vertebrale. La sua parte superiore sta vivendo regolarmente stress associato alla necessità di tenere il cranio e un costante movimento della testa. Le vertebre cervicali differiscono nelle loro dimensioni più piccole. Al momento del loro spostamento o aumento della tensione muscolare, i vasi vengono schiacciati e ci sono problemi con il trasporto del sangue al cervello, causando lo sviluppo della stenosi. La malattia viene diagnosticata in caso di compressione delle arterie della colonna vertebrale. Le vertigini con osteocondrosi della regione cervicale sono sintomi associati alla stenosi.

Il problema con la normale circolazione sanguigna nel cervelletto provoca carenza di ossigeno in diverse parti del sistema nervoso, nonché disturbi nel flusso del plasma con cellule di eritrociti sospesi in esso, leucociti, linfociti nel lobo occipitale del cervello. Allo stesso tempo, il centro responsabile dell'apparato vestibolare del paziente è ancora interessato. Neurologi neurologi, neuropatologi conducono il trattamento delle vertigini nell'osteocondrosi cervicale. Sanno cosa fare in tali situazioni. Lo sviluppo della patologia dei dischi intervertebrali nella parte superiore della colonna vertebrale è indicato da un suono specifico quando si gira, piegando la testa. Sapendo come eliminare le vertigini in caso di osteocondrosi cervicale, si può sempre evitare lo sviluppo di gravi complicanze, una minaccia per la salute, la vita di un paziente.

Sintomi della condizione patologica

In caso di disturbi distrofici dei dischi intervertebrali nel collo di una persona, la testa può girare in qualsiasi momento della giornata, inclusi mattino, sera, ore notturne e durante l'esecuzione delle funzioni di produzione. La condizione patologica è accompagnata da vari segni. Questi includono:

  • comparsa di rumore e ronzii nei padiglioni auricolari,
  • perdita di equilibrio mentre si cammina o si sta in piedi,
  • forte dolore alla testa,
  • nausea, vomito,
  • sudorazione eccessiva
  • pelle pallida o arrossata sul viso,
  • visione offuscata a causa della posizione orizzontale dei bulbi oculari,
  • intorpidimento degli arti superiori, che si verificano più spesso di notte,
  • aumento del dolore durante la rotazione o movimenti acuti della testa,
  • polso e disagio rapidi nella regione del cuore,
  • oscuramento degli occhi, comparsa di cerchi colorati, mosche bianche e nere o lampi luminosi.

Le vertigini nell'osteocondrosi del rachide cervicale causano sensazioni di fuga del suolo da sotto i piedi, giri di rotazione della stanza davanti agli occhi, movimento della mano destra degli oggetti circostanti. La condizione patologica ha una durata diversa. Con l'osteocondrosi cervicale, le vertigini possono trasformarsi in un minuto o poche ore. I sintomi associati, sotto forma di compromissione della vista e malfunzionamento dell'apparecchio acustico, possono causare inconvenienti e disagi per un periodo più lungo.

Quando si diagnostica l'osteocondrosi cervicale, le vertigini sono di natura vegetativa, a causa della costante interazione di tutti i sistemi del corpo umano. I suoi sintomi pronunciati possono indicare la necessità di un appello urgente per l'aiuto qualificato di un neuropatologo, un neurologo vertebrale.

Il trattamento tempestivo dell'osteocondrosi del rachide cervicale offre l'opportunità di prevenire lo sviluppo di molti sintomi di vertigini, alleviare il dolore, eliminare le recidive e ripristinare l'afflusso di sangue completo al cervello.

Sindromi della condizione patologica

Per sapere come trattare le vertigini con l'osteocondrosi cervicale, è necessario determinare la forma del suo sviluppo e il tipo di sindrome. I medici assegnano:

  • sindrome dello stelo vestibolare, caratterizzata da insufficiente afflusso di sangue al cervello e accompagnato da oscillazione durante la deambulazione, nausea, vomito durante improvvisi movimenti della testa, immagini di movimento di pavimenti, pareti, mobili,
  • sindrome cocleare e dello stelo, accompagnata da alterazioni delle funzioni degli apparecchi acustici, congestione, ronzio, fischio nei padiglioni auricolari, problemi di equilibrio,
  • sindrome ipotalamica, i cui sintomi principali includono: sudorazione grave, affaticamento, disturbi del ritmo cardiaco, diminuzione o aumento dell'indicazione dello stato termico del corpo del paziente,
  • sindrome sincopale dovuta a lesione del nervo spinale e spasmo dei vasi sanguigni, caratterizzata dalla comparsa di mosche galleggianti davanti agli occhi, acufene.

Le varietà di sindromi e i loro segni suggeriscono come trattare le vertigini nell'osteocondrosi cervicale.