Lividi e fratture delle ossa pelviche

Frattura del bacino - Questa è una violazione dell'integrità di una o più ossa pelviche. I sintomi locali includono dolore nel sito della frattura, deformità pelvica, accorciamento visibile dell'arto inferiore e movimenti delle gambe disturbati. La gravità della lesione è associata a una grande perdita di sangue che fluisce dai frammenti delle ossa del bacino e dei tessuti molli, nonché allo sviluppo di shock traumatico dovuto a dolore e perdita di sangue. La diagnosi viene stabilita in base ai risultati della radiografia. Per escludere danni agli organi pelvici, possono essere prescritti uretrografia, cistografia ed ecografia della vescica. Trattamento - immobilizzazione, a volte con l'uso della trazione scheletrica. In alcuni casi, viene mostrata la fissazione operativa dei frammenti.

Informazioni generali

Fratture delle ossa pelviche - grave danno allo scheletro. La gravità della lesione è dovuta alla grande perdita di sangue che scorre dai frammenti delle ossa del bacino e dei tessuti molli, nonché allo sviluppo di shock a causa del dolore e della perdita di sangue. Le fratture delle ossa pelviche, secondo la moderna traumatologia, rappresentano il 4-7% del numero totale di fratture. Può essere accompagnato da danni agli organi interni, ponderare le condizioni del paziente e costituire un pericolo immediato per la sua vita.

È possibile un diverso meccanismo di lesione, ma, molto spesso, le fratture pelviche derivano da una caduta da un'altezza, una compressione durante gli incidenti stradali, un collasso di edifici, incidenti industriali (ad esempio in una miniera) e visite pedonali. Il tipo di frattura delle ossa pelviche dipende da molti fattori, tra cui la direzione (laterale, anteroposteriore) e il grado di compressione.

Necroscopia

Il bacino è un sistema di ossa interconnesse che si trovano alla base della colonna vertebrale. Il bacino sostiene lo scheletro, protegge gli organi interni situati nella parte inferiore dell'addome e funge da collegamento tra le ossa degli arti inferiori e il tronco. L'anello pelvico è formato da tre ossa pelviche accoppiate (pubica, iliaca e sciatica) e l'osso sacro situato dietro. Tre ossa pelviche su ciascun lato sono separate da sottili cuciture ossee e sono stazionarie l'una rispetto all'altra. Le ossa pubiche anteriori si articolano, formando la sinfisi pubica. Dietro le ossa iliache sono attaccate al sacro attraverso le articolazioni sacro-iliache. Nella zona laterale esterna, tutte e tre le ossa pelviche sono coinvolte nella formazione dell'acetabolo (parte dell'articolazione dell'anca).

Classificazione

Esistono quattro gruppi di fratture ossee pelviche:

  1. stabile (fratture delle ossa pelviche, non accompagnate da una violazione dell'integrità dell'anello pelvico). Questo gruppo comprende fratture isolate e marginali delle ossa pelviche.
  2. instabile (fratture delle ossa pelviche, accompagnate da una violazione dell'integrità dell'anello pelvico). A seconda del meccanismo di lesione, possono verificarsi fratture instabili verticalmente e instabili a livello di rotazione. Quando fratture instabili verticalmente delle ossa pelviche, l'integrità dell'anello pelvico, di regola, viene rotta in due punti: nella parte posteriore e anteriore. I frammenti sono spostati sul piano verticale. Quando si verificano fratture instabili a livello rotazionale (rotazionale) con spostamento di frammenti sul piano orizzontale.
  3. Fratture del fondo o dei bordi dell'acetabolo. A volte accompagnato da lussazione dell'anca.
  4. Frattura delle ossa pelviche. In questo tipo di danno, una frattura delle ossa pelviche si combina con dislocazione nel pube o nell'articolazione sacroiliaca.

Sintomi locali

I sintomi locali includono deformità pelvica, forte dolore, ematoma o gonfiore dei tessuti molli nell'area della frattura. A mobilità di frammenti di osso è determinato il crepitio di osso. Con il distacco della colonna vertebrale anteriore-superiore, si osserva un accorciamento visivo dell'arto, a causa dello spostamento del frammento verso l'esterno e verso il basso e il sintomo dell'inversione di Lozinsky (quando si sposta il piede all'indietro, il paziente avverte meno dolore, quindi, torna indietro).

Le fratture dell'ileo e dell'acetabolo superiore sono accompagnate da una diminuzione della gamma di movimento nell'articolazione dell'anca. Il paziente è preoccupato per il dolore nella regione dell'ala dell'io. Le fratture del coccige e dell'osso sacro sono caratterizzate da dolore, aggravato dalla pressione sulla parte inferiore dell'osso sacro. L'atto di defecazione è difficile. Quando i nervi sacrali sono danneggiati, la sensibilità dell'area dei glutei è disturbata ed è possibile l'incontinenza urinaria.

In caso di fratture dell'anello pelvico, il dolore nel perineo (frattura delle ossa ischiatiche) o nella regione pubica (frattura delle ossa pubiche) appare senza rompere la sua integrità. I dolori sono aggravati dai movimenti del piede, dalla palpazione e dalla compressione del bacino nella direzione laterale. Per le fratture con violazione dell'integrità del semianello pelvico anteriore caratterizzato da dolore nel perineo e nel bacino, aggravato dalla compressione laterale e anteroposteriore e dal movimento delle gambe. Per le fratture dei rami sciatico e superiore dell'osso pubico, il paziente è in una posizione di rana (sul retro, con le gambe piegate e le gambe divaricate). In caso di fratture vicino alla sinfisi e alle sue rotture, il paziente piega leggermente le gambe e le riunisce. Tentativo di allevare gambe fortemente dolorose.

In caso di fratture del semianello posteriore, il paziente si trova sul lato sano, i movimenti delle gambe sul lato interessato sono dolorosi, limitati. Le fratture di Malgenya (con una violazione simultanea dell'integrità dei semicerchi posteriori e anteriori) sono accompagnate da asimmetria pelvica, mobilità patologica durante la compressione laterale, ecchimosi nel perineo e nella regione dello scroto. La disfunzione dell'articolazione dell'anca, la sindrome del dolore, aggravata toccando la coscia e il carico assiale, sono caratteristiche delle fratture acetabolari. Quando la dislocazione combinata dell'anca è determinata dalla violazione della posizione del grande trocantere, la posizione forzata dell'arto.

Sintomi comuni

Nel caso di fratture isolate delle ossa pelviche, lo shock traumatico si sviluppa nel 30% delle vittime, con lesioni combinate e multiple nel 100% dei pazienti. Lo shock è dovuto alla massiccia perdita di sangue in combinazione con la compressione o il danneggiamento degli elementi nervosi sensoriali della regione pelvica. Sotto shock, la pelle della vittima è pallida, coperta di sudore freddo appiccicoso. La pressione sanguigna è ridotta, il polso è accelerato. Possibile perdita di coscienza.

A volte le fratture delle ossa pelviche sono accompagnate da segni di danni agli organi interni (la clinica dell '"addome acuto"), che possono essere causati da traumi degli organi interni o da ematoma retroperitoneale con una frattura del bacino nelle sezioni posteriori o un ematoma nella parete addominale anteriore durante una frattura delle ossa pubiche. Quando l'uretra è danneggiata, si sviluppa una caratteristica triade di sintomi: ritenzione urinaria, sanguinamento dall'uretra, un livido nella regione perineale. Quando la vescica si rompe, si verificano problemi di minzione, si sviluppa ematuria.

Le fratture delle ossa pelviche sono sempre accompagnate da perdita di sangue. Con fratture marginali e isolate, la perdita di sangue è relativamente piccola (200-500 ml). Con fratture verticali instabili, i pazienti a volte perdono 3 o più litri di sangue. Le fratture gravi delle ossa pelviche possono essere accompagnate da danni all'uretra e alla vescica e, più raramente, al retto e alla vagina. Allo stesso tempo, il contenuto degli organi interni entra nella cavità pelvica e causa lo sviluppo di complicanze infettive. Sanguinamento e danni agli organi interni aggravano gravemente le condizioni del paziente e aumentano il rischio per la sua vita. In alcune fratture delle ossa pelviche, è possibile la compressione o il danno alle radici e ai tronchi nervosi del plesso lombare, accompagnati da disturbi neurologici.

Diagnostica

La diagnosi di una frattura delle ossa pelviche viene fatta da un traumatologo sulla base di sintomi e dati radiografici. Se si sospetta un "addome acuto" e il paziente si trova in condizioni soddisfacenti, il paziente viene monitorato dinamicamente. In una grave condizione di un paziente con sospetto danno agli organi interni, l'attesa di tattiche è inaccettabile. Si eseguono la laparoscopia, laparocentesi e talvolta laparotomia diagnostica. L'impossibilità di auto-minzione, anche in assenza di altri segni di lesioni del tratto urinario, è un'indicazione per l'ecografia della vescica e l'esame dell'uretra. In casi dubbi, eseguire l'uretragrafia.

Trattamento delle fratture pelviche

Il complesso di misure anti-shock comprende un'adeguata anestesia, compensazione per perdita di sangue e immobilizzazione della frattura. Viene eseguita l'anestesia del sito della frattura, l'anestesia intraosseo o intrapelvica. La novocaina ha un effetto ipotensivo, quindi in caso di shock, grandi quantità di farmaco devono essere somministrate dopo il rimborso della perdita di sangue. Per le fratture di Malgen, al paziente viene somministrata un'anestesia medica. I pazienti con fratture isolate delle ossa pelviche ricevono trasfusioni di sangue frazionarie per 2-3 giorni dopo la lesione. Per gravi lesioni pelviche, lesioni concomitanti e shock gravi, per compensare la perdita di sangue, grandi volumi di sangue vengono trasfusi nelle prime ore dopo la lesione.

Il tipo e la durata dell'immobilizzazione dipendono dalla posizione del danno, dalla presenza o dall'assenza di una violazione dell'integrità dell'anello pelvico. Per le fratture isolate e marginali, vengono fissate su uno scudo o su un'amaca, a volte con l'uso di pneumatici o rulli Beler nell'area poplitea. Una violazione dell'integrità dell'anello pelvico è un'indicazione per l'imposizione della trazione scheletrica. Il trattamento chirurgico delle fratture delle ossa pelviche è indicato in caso di danno agli organi pelvici, una significativa divergenza delle ossa pubiche quando si rompe la sinfisi e l'inefficacia del ripristino conservativo della posizione dei frammenti con il loro notevole spostamento.

Lividi pelvici

I lividi dei tessuti molli che circondano l'anello pelvico sono generalmente accompagnati da lividi, desquamazione della pelle e formazione di ematomi intermuscolari profondi che vengono assorbiti lentamente e facilmente infettati. Il trattamento viene spesso offerto non operativo: riposo, riscaldamento, terapia di riassorbimento. Con il distacco della pelle e la formazione di ematoma, ricorri alla sua puntura. In caso di suppurazione dell'ematoma, è indicato un intervento chirurgico. Con un leggero livido nell'area perineale, ad esempio, quando si calcia o cade un oggetto solido, ecc., È possibile un danno sottocutaneo alla parte membranosa dell'uretra. La prognosi per la cura di lesioni non complicate è favorevole.


Fratture delle ossa pelviche

Le cause delle fratture pelviche sono varie, il più delle volte è: cadere da un'altezza laterale o nell'area dei glutei, spremere il bacino durante gli incidenti stradali, collassare, cadere grandi carichi nella regione pelvica. Il meccanismo delle fratture pelviche dipende dalla direzione delle forze di compressione.

  • Quando la compressione sagittale del bacino è molto probabilmente il verificarsi di fratture bilaterali delle ossa pubiche e ischiatiche, frattura trasversale del sacro e rotture delle articolazioni sacroiliache.
  • Con la compressione frontale del bacino, è probabile che si verifichino fratture multiple della metà anteriore del bacino, fratture delle ali e dei corpi delle ossa ischiatiche, fratture longitudinali del sacro e rotture delle articolazioni sacroiliache.
  • Con la compressione diagonale del bacino, possono verificarsi fratture dei corpi delle ossa pubiche, rottura della sinfisi pubica, fratture longitudinali del sacro, rotture delle articolazioni sacroiliache.
  • Con un forte impatto laterale nella regione del femore, sono molto probabili le fratture del fondo dell'acetabolo, i corpi delle ossa sciatica e pubica e la rottura delle articolazioni sacroiliache sul lato opposto del bacino.
Le forze principali che agiscono sul bacino sono la rotazione verso l'esterno, la rotazione all'interno e le forze di taglio verticali. Ognuna di queste forze porta a diversi tipi di fratture pelviche.


Le fratture pelviche sono divise in tre tipi:

  • La frattura di tipo A è stabile, con spostamento minimo e senza compromettere l'integrità dell'anello pelvico.
  • Frattura di tipo B: la sinfisi pubica si rompe, di conseguenza, il bacino viene "rivelato", questo danno è chiamato "libro aperto". Le metà pelviche sono instabili quando ruotate verso l'esterno. Con questo tipo di lesione, le strutture legamentose posteriori non vengono danneggiate.
  • La frattura di tipo C è caratterizzata da una rottura dell'intero pavimento pelvico, dalla distruzione del complesso sacroiliaco posteriore. Il danno può essere unilaterale o bilaterale. La diagnosi di instabilità verticale viene eseguita in modo clinico e con l'aiuto della tomografia computerizzata.
Spesso con fratture multiple delle ossa pelviche, si osservano emorragie nei tessuti circostanti. L'esame con un dito attraverso la vagina o il retto consente di determinare le fratture del sacro, del coccige o delle ossa della sezione anteriore dell'anello pelvico, nonché la natura del loro spostamento. La diagnosi specificata dalle radiografie dell'intero bacino. La ricostruzione volumetrica tridimensionale dell'immagine TC crea un quadro completo delle fratture e facilita la scelta dei metodi di trattamento.

Le fratture pelviche anteriori possono essere combinate con danni all'uretra e alla vescica. Il retto, i vasi ileali, i nervi sciatico e otturatorio sono colpiti meno comunemente. La mancata rilevazione o la rilevazione tardiva di queste lesioni porta a complicanze infettive e neurologiche, spesso con conseguente morte del paziente. Le fratture del semicerchio posteriore, le rotture delle articolazioni sacroiliache sono sempre accompagnate da un sanguinamento retroperitoneale massiccio fino a 2 litri o più.

Trattamento di fratture stabili del bacino e fratture senza spostamento di frammenti.

È necessario appoggiare la persona ferita su barelle rigide, mettere un cuscino di vestiti sotto le articolazioni del ginocchio, iniettare antidolorifici e mandarlo in ospedale in ambulanza o chiamare una brigata di ambulanze specializzata. Il trattamento delle fratture pelviche inizia con l'anestesia. Assegna il riposo a letto sullo scudo per 3-4 settimane. Fin dai primi giorni di danno prescritto terapia fisica. Con le fratture del sacro e del coccige, la capacità di lavorare viene ripristinata dopo 4-5 settimane. Successivamente, se il paziente è preoccupato per il dolore persistente nell'area del coccige, viene mostrata la pronta rimozione della parte distale del coccige.


Trattamento di lesioni pelviche instabili.

Il trattamento di tutti i pazienti inizia con l'uso di metodi non chirurgici. Assegna il riposo a letto per 5-8 settimane. Per l'anestesia produrre blocco intrapelvico. La cessazione del dolore nell'area delle fratture è un'indicazione per la nomina della terapia fisica. Con spostamenti verticali pronunciati, la trazione scheletrica viene utilizzata dietro le ossa del femore e della tibia con un aumento graduale della spinta con pesi fino a 14-16 kg. Un'amaca viene utilizzata per curare le lacune nella sinfisi pubica. L'amaca viene stretta in modo che il bacino sia sospeso, quindi l'approccio nella regione della sinfisi si verifica a causa del peso del paziente. Tampone e drenaggio degli ematomi intra-pelvici e retroperitoneali.

Trattamento chirurgico di lesioni pelviche instabili: osteosintesi transosseo. Sulla base degli studi morfologici delle ossa pelviche e del bacino nel suo complesso, sono stati sviluppati dispositivi per il fissaggio di un'azione controllata multiplano basata sui disegni di G.A. Ilizarov. I loro principali vantaggi:

  • I raggi e le aste dell'apparato vengono introdotti nelle ossa pelviche, tenendo conto delle zone ottimali ad un certo angolo
  • la strada è meno traumatica
  • possibile dosaggio controllato su tre piani
L'osteosintesi transosseo stabilizza l'anello pelvico, compensa i siti di frattura, riduce lo spazio pelvico interno, aiuta a ridurre il sanguinamento e migliora significativamente i risultati funzionali del trattamento.

Riabilitazione di pazienti con fratture pelviche.

Il complesso del trattamento riabilitativo dei pazienti con fratture delle ossa pelviche comprende terapia fisica, FTL, massaggio. Inoltre, vengono utilizzati un metodo di magnetoterapia e un dispositivo per l'ipotermia locale. La fissazione stabile delle fratture è il modo principale per prevenire lo sviluppo della sindrome da distress respiratorio e l'insufficienza multipla di organi. La riabilitazione comprende 4 fasi:

  • Il primo stadio è di 1-14 giorni: il corso di FTL, ipotermia per alleviare il dolore, terapia magnetica.
  • Il secondo stadio di 2-8 settimane: terapia fisica sdraiata e al supporto, camminando sul posto senza supporto e camminando con le stampelle. Applicare magnetoterapia, ultrasuoni, massaggi.
  • La terza fase 8-12 settimane: conduci gli esercizi 1 e 2 fasi con grande sforzo e in maggior volume. Per rafforzare il sistema muscolare, sono prescritti elettrostimolazione e massaggio.
  • Il quarto stadio va da 12 settimane a 6 mesi: si consiglia ai pazienti di allenarsi su simulatori, piscina, massaggi, bagni terapeutici.
Pertanto, l'uso integrato di dispositivi di fissazione esterni e la riabilitazione precoce delle vittime con gravi lesioni pelviche possono migliorare i risultati anatomici e funzionali e ridurre i tempi del trattamento ambulatoriale e ambulatoriale.

Codice infortunio ICD 10

Secondo l'ICD 10, una frattura delle ossa pelviche è codificata da S32. Questa categoria comprende non solo le fratture pelviche, ma anche la colonna lombosacrale.

Il trauma al bacino è considerato un danno molto grave, che è difficile da ottenere nella vita di tutti i giorni. Le eccezioni sono le malattie del sistema scheletrico, quando anche un'azione meccanica minima è sufficiente per distruggere il tessuto osseo e inoltre la situazione è aggravata da anziani, diabete, ecc.

In casi normali, si verificano fratture pelviche a seguito di lesioni ad alta energia. Questa categoria comprende:

  • Incidenti e catastrofi naturali,
  • infortuni sul lavoro
  • auto e sport motoristici,
  • gravi colpi al bacino in caso di caduta da una grande altezza.

Una donna con bacino stretto durante la gravidanza dovrebbe essere sicura che il parto non porti a fratture delle strutture ossee. Altrimenti, si raccomanda un taglio cesareo. Per tali lesioni, vi è una maggiore probabilità di lesioni agli organi interni e ai tessuti molli, e quindi una frattura pelvica è considerata pericolosa per la vita.

I segni caratteristici di una frattura pelvica comprendono uno shock doloroso pronunciato e una postura forzata. Sul trauma pelvico dice la cosiddetta posizione della rana - le ginocchia piegate e separate ai lati. In medicina, si chiama anche posa di Volkovich. Se un lato è danneggiato, la caratteristica caratteristica della lesione è il sintomo di Gabay: la vittima sostiene riflessivamente l'altra gamba con la gamba sana dal lato ferito.

Con lesioni verticalmente instabili, si osserva un accorciamento degli arti. Ulteriori sintomi di una frattura dipendono dalla gravità della condizione della vittima. In caso di trauma alla vescica, potrebbe esserci una minzione involontaria mista a sangue. Quando si rompono i tessuti molli si può osservare un forte sanguinamento. Il dolore acuto, che aumenta con il movimento, provoca stati di shock. A causa dello shock traumatico causato dal dolore, una persona può perdere conoscenza.

Con le fratture ossee con dislocazione dell'anca, altrimenti fratture dei fianchi, i movimenti sono limitati e le articolazioni vengono scoperte. Spesso, le vittime sperimentano enormi emorragie nella pelle. Quindi, un sintomo di frattura dell'osso pubico del bacino è l'emorragia sopra il legamento inguinale. Insieme al dolore, si verifica intorpidimento. Se la lesione è accompagnata da un danno al retto, si verifica un sanguinamento anale.

Come distinguere una frattura da un livido

Pronto soccorso

PMP si svolge sul posto. Il primo soccorso da parte di un operatore non medico per le fratture pelviche deve essere effettuato con la massima cura. Cosa fare in caso di forte dolore? Le regole per la fornitura di PMP prevedono l'anestesia generale e locale. La vittima deve avere la postura corretta: in posizione orizzontale, le gambe leggermente piegate, un rullo viene posizionato sotto le ginocchia. In questa forma, il paziente attende il medico.

Il primo soccorso per le fratture ossee pelviche include l'interruzione del sanguinamento e la terapia traumatica da shock. Successivamente, la vittima viene trasportata in ospedale. Per trasportare il paziente dovrebbe essere con la massima cura, ci sono metodi di trasporto che escludono l'insorgenza di complicazioni sulla strada. Di solito per il trasporto di persone con una frattura del bacino si passa l'immobilizzazione. Viene prodotto come segue:

  • le gomme delle scale si arcuano lungo il contorno della parte posteriore della coscia,
  • riparato dall'anca al piede,
  • pneumatici allungati immobilizzano la parte superiore del corpo sotto l'ascella.

È meglio effettuare il trasporto a cavallo delle ossa pelviche usando l'autobus Diterichs. L'immobilizzazione alla frattura pelvica è un prerequisito per il trasporto della vittima. In questa posizione, il paziente può essere portato al pronto soccorso senza conseguenze. L'immobilizzazione del trasporto in caso di fratture delle ossa pelviche può essere effettuata con l'aiuto di doghe in legno e altri oggetti improvvisati di larghezza sufficiente.

Le azioni inaccettabili per una vittima con lesioni pelviche sono il trasporto su normali barelle senza uno scudo, una fasciatura stretta e nessun cuscinetto imbottito prima di applicare il pneumatico (specialmente in punti di pieghe anatomiche). Se durante l'immobilizzazione del trasporto per le fratture pelviche vengono seguite tutte le regole e il pronto soccorso viene fornito in modo tempestivo, il rischio di complicanze è minimo.

Trattamento chirurgico

Un significativo spostamento dei frammenti e l'inefficacia della terapia conservativa richiedono il trattamento chirurgico delle fratture. L'operazione viene eseguita in anestesia generale, le trasfusioni di sangue vengono eseguite per la perdita di sangue. Se si verificano danni concomitanti a organi e tessuti, vengono eliminati: i vasi e i tendini vengono cuciti, i frammenti ossei vengono uniti con piastre speciali. Se ci sono spazi vuoti nelle pareti della vescica, vengono cuciti e viene stabilito un drenaggio temporaneo.

Nel corso dell'operazione, piastre, viti o altre strutture metalliche vengono posizionate nel sito della frattura. Quindi eseguire la fissazione di frammenti ossei. L'ulteriore chiusura dei tessuti avviene a strati. Nel caso di una frattura di Malgenya, le cuciture ossee si rompono. Per ripristinare l'integrità degli anelli pelvici durante la frattura, il trattamento prevede l'osteosintesi della placca. Se una frattura della malgenia pelvica è stata curata con un intervento chirurgico, puoi alzarti dopo 2 settimane.

Frattura dell'osso metacarpale

Frattura del bacino: quanto guarisce

Di solito, le fratture pelviche richiedono un lungo periodo di recupero. Le strutture ossee guariscono a lungo; le ossa con un trattamento conservativo sono particolarmente difficili da fondere. La guarigione di una frattura pelvica dipende da una serie di fattori: età del paziente, malattie concomitanti e lesioni. Il ritorno alla vita normale può avvenire in 4-6 mesi. I pazienti iniziano a camminare dopo 2,5 mesi nel caso di terapia conservativa e per 3 settimane durante il trattamento chirurgico.

È difficile dire quanto tempo ci vorrà per guarire dopo un infortunio, se la frattura si è verificata durante un incidente. Una persona può avere altre lesioni pericolose che complicano la riabilitazione. La durata del trattamento è determinata dal medico. Per mantenere le ossa in movimento, la parte inferiore del corpo viene immobilizzata. Quindi permettono di sedersi gradualmente con l'aiuto di un supporto, quindi provano a mettersi in piedi. Qualsiasi azione attiva, incluso il sesso e l'educazione fisica in questa fase, è controindicata.

Fisioterapia

La terapia dell'apparato ha ricevuto molta attenzione durante il periodo di riabilitazione. Per le fratture delle ossa pelviche, sono mostrate le seguenti procedure:

  • elettroforesi di bromo - possiede un effetto analgesico, lenisce l'area lesa,
  • correnti di interferenza - attiva il trofismo, elimina i dolori agli arti dal lato del danno,
  • applicazioni di paraffina-ozocerite - aumentare la velocità di rigenerazione, migliorare il flusso sanguigno, rilassare il tessuto muscolare,
  • Esposizione ai raggi UV - aumentare l'immunità locale, aumentare la velocità di accrescimento e guarigione dei tessuti,
  • elettroforesi con lidocaina e cloruro di calcio - riduce il tono muscolare, allevia il dolore, elimina il gonfiore, aumenta la quantità di ossigeno nei tessuti, aumenta il flusso linfatico,
  • terapia magnetica - fornisce una rapida adesione delle ossa, allevia lo spasmo muscolare, aumenta l'attività degli ioni calcio, sopprime le reazioni infiammatorie.

La fisioterapia completerà gli esercizi terapeutici. Il complesso di esercizi è selezionato su base individuale. Inizialmente, gli esercizi vengono eseguiti in posizione prona. Si consiglia di piegare lentamente le gambe alle ginocchia, spostare i piedi e le dita. Dopo che il medico ti ha permesso di alzarti, si esercitano a spostarsi da un piede all'altro, spostando il tallone sulla punta e sulla schiena. La formazione continua a casa, aumentando gradualmente il carico.

Complicanze e conseguenze

Il trauma alle ossa pelviche è considerato pericoloso. Nella maggior parte dei casi sorgono complicazioni e alcune sono fatali. Gli effetti negativi di una frattura pelvica includono:

  • movimenti limitanti nell'articolazione dell'anca,
  • zoppicare e camminare nell'anatra,
  • ipotrofia muscolare,
  • osteosclerosi, artrite, ecc.,
  • disturbi erettili negli uomini
  • problemi di gravidanza e infertilità nelle donne
  • difficoltà a urinare e feci.

Se una donna viene ferita in giovane età, può essere controindicato dare alla luce naturalmente. Tra le complicazioni più frequenti nei rappresentanti del sesso più debole vi sono anche le infezioni urologiche e l'infiammazione della vescica.

Maggiore è la gravità del danno, maggiori sono le lesioni alla salute. I disturbi pelvici rimangono la causa di alta mortalità, specialmente negli anziani. Non è sempre possibile ripristinare le funzioni degli organi interni della piccola pelvi e restituire la mobilità anatomica degli arti. A causa della presenza di sangue nelle articolazioni dell'anca del paziente, si sviluppa emartro. In questo caso, viene eseguita la puntura.

Tipi di danni

In medicina, esiste una classificazione delle fratture ossee pelviche, che distingue i seguenti tipi:

  • Trauma dell'anello dell'anca senza danni alla continuità.
  • Frattura del bacino con danno alla continuità dell'anello.
  • In caso di frattura pelvica, è possibile un doppio disturbo osseo verticale. Tale danno è chiamato frattura di Malgene.
  • Frattura pelvica nell'acetabolo.

La stessa classificazione delle fratture delle ossa pelviche differisce nei seguenti tipi:

  • Le fratture pelviche stabili sono caratterizzate da un danno alle ossa che non influisce sull'anello pelvico. Tali lesioni sono chiamate isolate o marginali.
  • Le fratture instabili delle ossa pelviche a causa di tali lesioni danneggiano l'anello pelvico.
  • Danneggiamento dell'acetabolo, dei suoi bordi e del fondo. Può causare dislocazione della coscia.
  • Frattura-frattura delle ossa pelviche, combinata con dislocazione.

Anche la frattura delle ossa pelviche si verifica aperta - c'è una violazione dell'integrità dei tessuti molli e una frattura chiusa - solo le ossa sono ferite. I primi segni di una frattura pelvica possono differire in modo significativo l'uno dall'altro. Dipende dalla classificazione delle fratture pelviche presenti.

Cause di frattura pelvica

La frattura delle ossa pelviche può verificarsi per molte ragioni, considerare i principali fattori:

  • Forte impatto in questo settore.
  • Incidente stradale.
  • Caduta da un'altezza.
  • Fattore meteorologico.
  • attività sportive.
  • Inosservanza delle norme di sicurezza.
  • Catastrofe.
  • Vacanze estreme.
  • Ferita da arma da fuoco.

La frattura dell'anca è anche possibile a causa dell'età avanzata o di malattie croniche che influenzano la forza ossea. Questi includono: osteoporosi, osteomielite, artrosi, oncologia, tubercolosi ossea, sifilide.

È importante! Al fine di escludere una frattura dell'anca in età avanzata o in presenza di patologie croniche, si dovrebbe essere estremamente attenti.

I segni di una frattura pelvica sono divisi in locale e generale. Il sintomo caratteristico dei sintomi locali dipende in gran parte dall'area della lesione dell'anello pelvico.

Segni locali

I sintomi della frattura dell'osso pelvico si manifestano con sintomi come:

  • Nell'area della lesione c'è un forte dolore.
  • Gonfiore.
  • Formazione di ematoma
  • La deformazione del bacino.

In alcuni casi c'è una frattura ossea con un offset. L'osso ferito è mobile, con una palpazione puoi sentire uno scricchiolio o un crepitio.

Se la vittima è riuscita a rompere l'anello pelvico, il dolore diventa più intenso quando l'arto inferiore si muove, il bacino viene schiacciato nella direzione del lato o durante la palpazione dell'area pelvica. In assenza di un errore nell'integrità dell'anello il dolore è concentrato nella zona del cavallo.

Se il danno è accompagnato da complicanze come una violazione dell'integrità del semianello anteriore, quindi durante il movimento delle gambe o quando il bacino viene schiacciato nella direzione antero-posteriore o laterale, la sindrome del dolore aumenta.

Una frattura vicino alla zona della sinfisi costringe il paziente a muovere le gambe piegate e quando si tenta di separarle, c'è un forte dolore.

Se c'è una frattura dell'osso pubico superiore o ischiatico, la vittima può trovarsi solo in una posizione: la "rana". Giace sulla schiena e allarga le gambe piegate di lato.

E con lesioni della metà posteriore del paziente si trova sul lato opposto della lesione e non può fare movimenti improvvisi con il piede dal lato della frattura.

  • Danni al pube

Se durante la frattura l'osso pubico è stato danneggiato, nella maggior parte dei casi non si verifica la distruzione dell'anello. Causato da lesioni da compressione pelvica o da un forte colpo.

Oltre ai soliti segni locali, queste lesioni sono combinate con lesioni e disfunzioni degli organi pelvici, movimenti degli arti inferiori e comparsa del sintomo del "tallone bloccato". Le caratteristiche di questo sintomo risiedono nel fatto che sdraiato sulla schiena, una persona non è in grado di sollevare una gamba raddrizzata.

Il segno di "addome acuto" è causato dal trauma agli organi interni e dalla formazione di un ematoma nell'area della parete addominale anteriore.

  • Frattura ossea anteriore

Con queste fratture, i detriti possono spostarsi verso il basso e verso l'esterno. In questo caso, lo spostamento provoca accorciamento della gamba. Il paziente cerca di camminare in una posizione "indietro" - in tale posizione il dolore non è così intenso. Ciò è dovuto al fatto che il piede non si muove in avanti, ma indietro. Questo segno ha il nome "Sintomo di Lozinsky".

  • Trauma al sacro e al coccige

Quando si esercita una pressione sul sacro con tale danno aumenta il dolore e il processo di defecazione diventa difficile. Se la frattura è accompagnata da un trauma ai nervi del sacro, allora c'è la probabilità di enuresi e sensibilità nella zona glutea.

  • Lesione dell'io e divisioni superiori dell'acetabolo

La frattura dell'io si manifesta con dolore nella regione dell'ala dell'osso dato. In un paziente, le funzioni dell'articolazione dell'anca sono compromesse.

Tali lesioni sono accompagnate da una frattura del semiring pelvico sia posteriore che anteriore. Il bacino diventa asimmetrico, si verificano emorragie nell'area del perineo o dello scroto e la mobilità patologica che si verifica durante la compressione laterale.

  • Danno all'acetabolo

Quando l'acetabolo è rotto, la sindrome del dolore aumenta bruscamente al momento del carico assiale o quando colpisce la coscia.Il lavoro dell'articolazione dell'anca è compromesso e se l'anca viene lussata, la dislocazione del grande trocantere viene disturbata.

In quasi la metà dei pazienti, le fratture isolate delle ossa pelviche hanno conseguenze sotto forma di shock traumatico. E con lesioni combinate e multiple, lo stato di shock è presente in tutte le vittime.

Lo shock traumatico si verifica a causa di intenso dolore causato da danni o compressione delle terminazioni nervose sensoriali dell'area pelvica e sanguinamento abbondante. Durante uno shock, la vittima presenta i seguenti sintomi:

  • Pallore della pelle.
  • Sudore freddo appiccicoso.
  • Tachicardia.
  • Ipotensione.
  • In alcuni casi, perdita di coscienza.

Il trauma alla vescica provoca urina ed ematuria compromesse e, se l'uretra è interessata, si verifica una ritenzione urinaria, un ematoma appare nel perineo e sanguina dall'uretra.

È importante! Se la vittima presenta almeno uno dei suddetti sintomi, dovrebbe essere urgentemente portata in ospedale. Se ciò non è possibile, è necessario chiamare il team medico e fornire il primo soccorso.

Assistere

Poiché la lesione pelvica è molto pericolosa e se le fratture sono ancora complicate, la decisione più corretta sarebbe quella di consegnare urgentemente la vittima all'ospedale.

Il trasporto deve essere effettuato solo da un team di ambulanze, ma se per qualche motivo non è possibile, il pronto soccorso deve essere fornito al paziente prima del pronto soccorso.

  1. È necessario arrestare la sindrome del dolore per evitare shock traumatici. Per fare ciò, utilizzare gli antidolorifici disponibili.
  2. Se si è verificata una frattura aperta, le seguenti azioni consistono nell'arrestare l'emorragia applicando un laccio emostatico, sotto la lesione e disinfettando la ferita con agenti antibatterici.
  3. Il paziente deve essere trasportato sdraiato sulla schiena. Per fare questo, viene posizionato su una superficie dura e un cuscino o un rullo viene posizionato sotto le ginocchia, dandogli una posa di rana. Successivamente, la vittima viene riparata con una corda.
  4. E solo allora il paziente deve essere portato in un ospedale vicino, dove riceverà assistenza medica, diagnostica e cura di una frattura pelvica.

Trasportare la vittima il più attentamente possibile. Ciò è dovuto al fatto che è impossibile immobilizzare un paziente in maniera sufficientemente elevata non in un istituto medico.

Il pronto soccorso tempestivo e correttamente reso per lesioni delle ossa pelviche molte volte riduce il rischio di complicanze e l'inizio della morte.

Terapia infortunistica

I pazienti che hanno rotto il bacino e i loro parenti si chiedono quale trattamento venga utilizzato per una frattura dell'anca e si preoccupano anche della questione di quanto una frattura del bacino guarisca.

Dopo che la vittima viene portata in ospedale, prima di tutto gli vengono somministrate le seguenti misure mediche: terapia anti-shock, compensazione per la perdita di sangue e fissazione dell'area della frattura. Tutte queste azioni riguardano le principali tattiche nel trattamento delle fratture ossee pelviche.

Sollievo dal dolore

Per l'anestesia di una frattura da parte di medici, possono essere utilizzati narcotici e blocchi novocainici. L'iniezione di un anestetico locale può innescare una diminuzione della pressione sanguigna, quindi in situazioni così complicate è consentito accedervi solo dopo la sostituzione del sangue perso. Per il trattamento di una frattura pelvica con il sintomo di Malgene, il paziente viene somministrato in anestesia terapeutica.

Rifornimento di sangue perso

Con una grande perdita di sangue, gravi shock e lesioni associate, la sostituzione del sangue perduto viene eseguita per la prima volta. Per questo, una grande quantità di sangue viene trasferita al paziente. Con lesioni isolate delle ossa pelviche, per compensare la perdita di sangue, le trasfusioni di sangue frazionarie vengono eseguite per diversi giorni. I fluidi per via endovenosa sono alternati all'introduzione di glucosio, sostituti del sangue e plasma sanguigno.

Immobilizzazione

La durata e il tipo di immobilizzazione o fissazione nel trattamento delle fratture delle ossa pelviche sono determinati dalla localizzazione del danno e dall'integrità dell'anello pelvico. Se la lesione è isolata o frattura marginale, il paziente viene fissato su un'amaca o su uno scudo. In rari casi per l'immobilizzazione utilizzare rulli per il ginocchio e la zona poplitea e pneumatici Beller. Se si è verificata una violazione dell'integrità dell'anello pelvico, designare la trazione scheletrica.

Terapia conservativa

Con lesioni stabili, la guarigione delle ossa pelviche avviene solo quando il paziente è immobilizzato e non richiede un intervento chirurgico. Inoltre, al paziente viene prescritta una terapia farmacologica:

  • Antidolorifici.
  • Medicinali contenenti calcio e complessi multivitaminici.
  • Se la frattura è aperta, dovrebbe essere trattata con antibiotici.

Dopo che le ossa crescono insieme, viene creato un programma di riabilitazione individuale per il paziente, che include terapia fisica, massaggio e fisioterapia.

Trattamento chirurgico

L'intervento chirurgico è prescritto per lesioni complicate delle ossa pelviche ed è raccomandato nei seguenti casi:

  • Lesioni agli organi pelvici.
  • La divergenza delle ossa pubiche dovuta alla rottura della sinfisi.
  • La deformazione del bacino dovuta alla ottenuta sposta in modo significativo i frammenti ossei e la terapia effettuata non ha dato risultati positivi.

Affinché i frammenti ossei si fondano insieme, l'osteosintesi viene eseguita correttamente utilizzando aghi, viti o placche metalliche utilizzando un fissatore esterno. Questa operazione viene eseguita in anestesia generale. Durante questo, il chirurgo esegue sempre un esame approfondito degli organi interni, dei nervi e dei vasi sanguigni. Se necessario, elimina il danno.

Dopo la fine del riposizionamento, al paziente vengono prescritti farmaci e dopo che l'osso è cresciuto insieme, riceverà anche un corso di riabilitazione.

Conclusione

Le conseguenze di una frattura ossea pelvica sono molto gravi, soprattutto se tale danno era dovuto alla vecchiaia.

Il periodo di recupero richiede molto tempo, la capacità di lavoro ritorna dopo 5 - 6 mesi. Molto dipende dall'età, dalla gravità della lesione e dal numero di fratture.

La medicina moderna ha ottenuto buoni risultati nel trattamento di tali lesioni, ma spesso ci sono complicazioni che possono portare all'insorgenza della disabilità.

  • Atrofia muscolare
  • Debole mobilità delle articolazioni dell'anca.
  • L'acetabolo e l'anello pelvico sono cambiati in forma.
  • Danni agli organi interni.
  • Deformità degli arti: una più corta dell'altra.
  • Dolore cronico nel sito della frattura.
  • Cambio zoppo o andatura.
  • Radicolite o osteomielite.
  • Disturbi del sistema urinario.
  • Problemi con il movimento intestinale.
  • L'infezione.
  • Paralisi totale o parziale.
  • Amputazione degli arti inferiori.

Non tirare con la diagnosi e il trattamento della malattia!

Guarda il video: I consigli del fisioterapista - La pubalgia (Novembre 2019).

Loading...